Home > Novità

NOVITÀ

Immagine
My White Light : Artemide crea un nuovo standard nell'illuminazione fluorescente

04-06-2007

My White Light è la terza tappa del percorso intrapreso da Artemide: da Metamorfosi raggiunge una maturità progettuale nei contenuti di “THE HUMAN LIGHT” e trova una seconda declinazione nel progetto A.L.S.O. di Carlotta de Bevilacqua. Se in Metamorfosi la ricerca trova nel colore una prima risposta alla necessità dell’individuo di crearsi un ambiente luminoso ad hoc, nonché di supporto allo stato di benessere psico-fisico e di gratificazione ludica, in A.L.S.O. la ricerca si estende anche ad altre variabili relative all’ambiente quali suono e qualità dell’aria, mantenendo Metamorfosi per la parte luce. Si tratta di un percorso innovativo nato da un progetto di ricerca internazionale che ha coinvolto alcuni tra i più importanti progettisti del design e dell’architettura ed autorevoli esperti di diverse discipline scientifiche (medicina, biologia, psicologia, antropologia) coordinati dall’Architetto Carlotta de Bevilacqua e dal Professor Paolo Inghilleri dell’Università degli Studi di Milano. Artemide ha ideato My White Light, una tecnologia applicata ad una serie di apparecchi che permette l’emissione di luce bianca variabile in intensità e temperatura di colore, assumendo tonalità che vanno dalla più calda alla più fredda. 5 My White Light is the third stage of an Artemide venture that began with Metamorfosi and continued with the A.L.S.O. project by Carlotta de Bevilacqua, reaching the height of design sophistication within the “THE HUMAN LIGHT” concept. While the Metamorfosi research indicated colour as a first response to the individual’s need to create an ad-hoc lighting environment that enhances his psychological and physical well-being and recreational pleasure, the research conducted for A.L.S.O. was extended to other variables relative to the individual’s environment, such as sound and the quality of air, and the Metamorfosi system was maintained for the actual lighting. It is an innovative venture born from an international research project involving some of the world’s top designers and architects and leading experts from various scientific fields such as medicine, biology, psychology and anthropology, coordinated by architect Carlotta de Bevilacqua and by Paolo Inghilleri from the University of Milan. Artemide has led to the creation of My White Light, a technology applied to a series of lamps that enables them to emit white light of variable intensity and colour temperature, whose tones range from the warmest to the coolest. 6 My White Light rappresenta l’evoluzione della ricerca di Artemide che torna a focalizzarsi sulla luce, in particolare sui valori ambientali della luce, giocando sui concetti di variabilità e sostenibilità, prestazioni e semplicità di utilizzo. È una nuova modalità di illuminare gli ambienti, resa possibile dalle tipologie degli apparecchi sviluppati, piantane, sospensioni ed apparecchi a plafone, dalle sorgenti utilizzate con flussi adatti all’illuminazione generale e dalla semplicità di comando degli stessi. My White Light si configura quindi non come un sistema “complementare” all’ambiente ma come “il sistema” capace di risolvere l’illuminazione dell’ambiente. My White Light è un sistema con sorgenti fluorescenti RGB (Red, Green, Blue). L’aspetto innovativo di tale apparecchio consiste nella possibilità di ottenere, sommando luci rosse, verdi e blu in diverse ed opportune quantità, una luce bianca nelle sue infinite declinazioni, consentendo così di sperimentare le diverse intensità e temperature di colore della luce bianca. L’uso della materia prima luminosa (i colori primari) è alla base della performance luminosa del prodotto. My White Light è una tavolozza luminosa con la quale l’utente dipinge e legge il suo mondo, permettendo la realizzazione di atmosfere luminose a luce bianca, ma non solo: atmosfere luminose a colore sono infatti possibili ma risultano essere più una performance addizionale che conferma l’essenza della soluzione tecnica individuata che non un target primario del progetto. 7 My White Light marks the evolution of Artemide’s research as it once again focuses on light, especially its environmental qualities, and pivots on the concepts of variability and sustainability, performance and simplicity of use. It is a new way of illuminating environments, made possible by the types of lamps that have been developed, namely standard, suspension and ceiling lamps, by using sources with flows suitable for overall lighting, and by their being easy to control. My White Light is not configured as a system “complementary” to the environment but as “the system” that can resolve the illumination of the environment. My White Light is a system using RGB (Red, Green, Blue) fluorescent sources. The innovative aspect of this technology consists in the possibility of obtaining, by combining red, green and blue lights in appropriate quantities, all the infinite tones of white light, allowing the user to experience its various intensities and colour temperatures. The performance of this product stems from the use of the raw materials of light (the primary colours). My White Light is a luminous palette with which the individual can paint and interpret his world, enabling him to create atmospheres with white light. And that’s not all. It is also possible to create these atmospheres with colour, but this is more of a “plus” that corroborates the validity of the technical solution developed, rather than one of the project’s primary targets. WHITE LIGHT 10 IL BIANCO DELLA LUCE La luce è viva, è dinamica e cangiante in ogni luogo e ovunque ha un profondo legame con la cultura e la sensibilità dell’uomo. La ricerca di Artemide sulla luce bianca ha permesso di evidenziare la grande potenzialità di tutte le luci bianche percepibili. La luce bianca è la luce della vita, varia al variare dei bisogni e delle motivazioni, My White Light è in grado di offrire alla persona la luce più adeguata per esaltare il proprio Sè. L’individuo, infatti, ha bisogno nei diversi momenti della giornata di agire in modo molto diverso, ha necessità di concentrarsi, di fare sforzi, di rilassarsi, di divertirsi, di ascoltare e guardare con occhi attenti tutto ciò che lo circonda. La luce bianca permette questa interazione fra l’individuo e la dinamicità delle azioni, realizzando il divenire della nostra vita in modo ottimale. Se consideriamo la ricchezza della luce bianca così come la conosciamo, partiamo dalla luce bianca ai limiti del rosso corrispondente all’alba o al tramonto, con temperature di colore inferiori ai 2700K, per arrivare agli oltre 20000K di una luce bianca fortemente azzurrata tipica di una giornata estiva velata. Il colore della luce bianca varia da tonalità calde a tonalità fredde in base alla temperatura di colore espressa in gradi Kelvin. 11 THE WHITE OF LIGHT Light is alive, dynamic, changes constantly in every setting, and is profoundly linked to human culture and sensibility everywhere. Artemide’s research on white light has revealed the vast potential of all its perceivable tones. White light is the light of life; it varies as needs and motivations vary. My White Light is able to offer a person the light that best enhances the Self. An individual, in fact, needs to act very differently at various moments of the day; for example, he needs to concentrate, to make an effort, to relax, to have fun, to listen, or look carefully at everything around him. White light permits this interaction between the individual and his dynamic actions, so that our life progresses in the best possible way. Considering the richness of white light as we know it, we start with white light bordering on red corresponding to the dawn or sunset, with a colour temperature below 2700K, to arrive at over 20000K, the temperature of a light with a distinct pale blue tone typical of a hazy summer day. The colour of white light varies from warm to cool tones on the basis of colour temperature measured on the Kelvin scale. THE WHITE 4000° KELVIN OF AURORA THE WHITE OF 6000° KELVIN MIDDAY THE WHITE OF SUNSET 2000° KELVIN 18 L’illuminazione artificiale ha imposto la propria qualità di luce sulla base delle risorse e tecnologie disponibili. Ciascuno di noi fa quotidiana esperienza di sorgenti incandescenti caratterizzate da una luce bianco-calda (2700K), di sorgenti alogene con una luce bianca più brillante (3000K) oppure di sorgenti fluorescenti spesso con una luce bianco-azzurra (4-6000K). Per questo motivo Artemide propone per gli spazi abitativi apparecchi capaci di generare una luce bianca variabile con continuità dai 2500K ai 20000K, cioè da luci calde (sulle tonalità del giallo-arancio) a luci molto fredde (sulle tonalità del blu) e regolabile in intensità in modo semplice da parte dell’utente. Con My White Light l’individuo può prendere coscienza di questo mondo, riappropriarsi di stimoli e sensazioni, valutare la luce con lo stesso approccio con il quale sceglie un abito od una colonna sonora. Utilizzare la luce come strumento attivo a supporto del Sé nei momenti di concentrazione, di creatività, di relax a seconda dei propri stati psico-fisiologici è l’espressione ultima di una maturità nell’uso della luce alla quale Artemide vuol fare pervenire in modo semplice e sperimentabile gli utilizzatori di My White Light. 19 Artificial lighting has imposed the quality of its light on the basis of available resources and technologies. Every day, each one of us experiences incandescent sources characterized by white-warm light (2700K), halogen sources with a brighter white light (3000K) and fluorescent sources often with a blue-white light (4-6000K). That is why Artemide has designed for living spaces lamps capable of generating a variable white light with a colour temperature ranging from 2500K to 20000K, that is from warm lights (with yellow-orange tones) to very cool ones (with blue tones) whose intensity can be regulated easily by the user. With My White Light the individual can enter this world, rediscover stimuli and sensations, and judge the light in the same way that he would choose clothes or a music track. Using light as an active tool to nurture the Self in moments of concentration, creativity or relaxation according to one’s own psychological and physical needs, is the ultimate expression of its mature use, which Artemide wishes to make as simple and creative as possible for My White Light owners. 1700° KELVIN 2700° KELVIN INCANDESCENT 4-6000° KELVIN FLUORESCENT WHITE EMOTIONS 26 IL BIANCO DELLE EMOZIONI È ormai stato ampiamente dimostrato che ognuno di noi ha una propria personalità, cioè un insieme di caratteristiche psichiche e comportamentali distintive che ci rendono diversi gli uni dagli altri. Sulla base del tipo di personalità posseduta, emettiamo risposte comportamentali che rimangono costanti nella molteplicità delle situazioni ambientali. Ciò vale anche per le luci bianche. Secondo Lùscher, la preferenza, l’antipatia o l’indifferenza nei confronti di certe qualità di luce può rivelare con precisione i tratti di personalità, gli aspetti caratteriali e le tendenze emotive dell’individuo nei confronti della vita affettiva e di relazione. La psicologa Angela Wright si concentra su quattro diversi gruppi, ognuno dei quali è associato a specifiche caratteristiche di personalità: 1. Il primo gruppo comprende i toni chiari, delicati e caldi. Le personalità associate a questa classe sono luminose, calde, solari, amichevoli, chiare e ottimiste. La preferenza per una certa qualità di luce sembra rappresentare una potente chiave d’accesso all’inconscio, sia nei bambini che negli adulti. 27 THE WHITE OF EMOTIONS It has now been widely shown that each person has an individual personality, that is, a body of psychological and behavioural characteristics that make each one of us different from the other. On the basis of our type of personality, we display behavioural responses that remain constant in the manifold environmental situations in which we are involved. This also applies to white lights. According to Lùscher, the preference, antipathy or indifference for certain kinds of light can accurately reveal the personality traits, aspects of character and emotional tendencies of an individual with regard to his affective life and relationships. The colour psychologist Angela Wright focuses on four different groups, each associated with specific personality characteristics: 1. The first group is made up of clear, delicate and warm tones. Personalities associated with this category are light, warm, bright, friendly, clean and optimistic. The preference for a certain quality of light appears to represent a powerful key to unlocking the unconscious, both in children and adults. 28 2. Il secondo gruppo riguarda i colori freddi, non luminosi, ma al contempo delicati. Le personalità associate a questa classe hanno le caratteristiche di essere eleganti, fredde, equilibrate, aggraziate, senza tempo, rilassanti. 3. Il terzo gruppo si riferisce a toni caldi ma molto più intensi. Le personalità associate a questa classe hanno le caratteristiche di essere calorose, amichevoli, socievoli, affidabili e concrete. 4. Il quarto gruppo riguarda, infine, toni molto netti e forti, corrispondenti alla luce di tonalità bianco-azzurro. Le personalità associate a questa classe hanno le caratteristiche di essere eccellenti, efficienti, sofisticate, moderne e “high-tech”. Ciò che si evidenzia, sia nei bambini che negli adulti, è che la preferenza per una certa qualità di luce sembra rappresentare una potente chiave d’accesso all’inconscio. Ovviamente il segreto sta nel saper bene interpretare le diverse esigenze della persona. Con My White Light Artemide ha creato un apparecchio che consente di ottenere la qualità e la quantità di luce bianca corrispondente alla struttura di personalità degli individui, assecondando i bisogni e i sogni che si realizzano in momenti diversi della giornata. 29 2. The second group is composed of cool, delicate, but not light colours. Personalities associated with this category possess characteristics that are elegant, cool, calm and poised, graceful, timeless, soothing. 3. The third group is distinguished by warm but much more intense tones. Personalities associated with this category are characteristically warm, friendly, sociable, reliable and solid. 4. The fourth group is marked by very clear, strong tones corresponding to the white-blue tonality of light. Personalities associated with this category possess characteristics communicating excellence, efficiency, sophistication, modernity and “high-tech”. What is evident, both in children and adults, is that the preference for a certain quality of light appears to represent a powerful key to unlocking the unconscious. Naturally, the secret lies in knowing how to correctly interpret a person’s various needs. In creating My White Light, Artemide has produced a lamp that makes it possible to obtain the quality and quantity of white light that corresponds to the structure of each individual’s personality, fulfilling his needs and realizing his dreams that occur at different moments in the day. THE WHITE OF SADNESS THE WHITE OF MYSTICISM THE WHITE OF INFINITY WHITE INTERIORS 38 IL BIANCO DEGLI AMBIENTI Le radiazioni luminose che penetrano attraverso gli occhi vengono trasformate in impulsi elettrici e trasmesse, mediante il nervo ottico, al cervello. Da qui si origina una serie di input che vengono trasmessi a tutto l’organismo. In particolare, quando gli impulsi raggiungono l’ipotalamo si determina un incremento della serotonina, neurotrasmettitore deputato al controllo del tono dell’umore. Quando gli impulsi raggiungono l’epifisi si assiste ad una riduzione della melatonina, ormone sensibile al ciclo giorno-notte. Conseguenza di tali reazioni neurofisiologiche è una variazione significativa del tono dell’umore in funzione della quantità di luce a cui è esposto un individuo. Pensiamo a titolo d’esempio, all’effetto diverso che hanno sulla nostra psiche una bella mattina di sole o una giornata di pioggia, così come l’estate o l’inverno. Sembra addirittura che più ci si allontani dall’equatore, più diminuisce il tono dell’umore. Questa sarebbe la ragione per la quale nelle popolazioni meridionali il buonumore è più diffuso rispetto che in quelle settentrionali. My White Light di Artemide è un valido strumento ristoratore e riequilibratore dell’umore, capace di creare le condizioni ambientali necessarie e funzionali allo star bene quotidiano. 39 THE WHITE OF ENVIRONMENTS When visible light enters the eye it is transformed into electrical signals and transmitted to the brain via the optic nerve. This results in various types of input being transmitted to the entire body. In particular, when the signals reach the hypothalamus there is an increase in serotonin, a neurotransmitter that controls mood and when they arrive at the pineal gland there is a decrease in melatonin, a hormone sensitive to the day-night cycle. As a result, these neurophysiological reactions produce a significant change in mood in relation to the quantity of light to which an individual is exposed. Let us take, for example, the different effect a beautiful sunny morning or a rainy day, or even summer or winter, has on our psyche. In fact, it seems that the farther people are from the equator, the more subdued their mood. This would explain why southern peoples are more good-humoured than their northern counterparts. My White Light by Artemide is a valid tool for generating a good and balanced mood, by creating the environmental conditions necessary for well-being in everyday life. 40 La sua potenzialità è, infatti, quella di emettere luce bianca o tendente alle varie sfumature del rosso, del verde e del blu, nonchè di variarne intensità e temperatura fino all’ottenimento delle condizioni ideali che consentono all’utente di stare bene “nel” e “con il” suo ambiente. Ma non solo, My White Light è ancora di più. Mediante l’uso del suo innovativo temporizzatore (di prossima disponibilità) sarà possibile, infatti, programmare giorno per giorno l’intensità e la temperatura della luce bianca in modo da riprodurre tutte le variazioni della luce solare giornaliera tipiche dei luoghi mediterranei. Gli ambienti dei paesi nordici illuminati da My White Light smettono così di subire gli effetti negativi delle giornate corte ed uggiose e possono giovare invece di un ciclo luminoso che nelle prime ore mattutine si presenta in modo simile alla luce irradiata dal sorgere del Sole per poi intensificarsi progressivamente in intensità e calore fino a raggiungere il picco massimo di mezzogiorno. Successivamente, la luce diffusa perderà via via intensità, diventando sempre più fredda e fievole per lasciare posto al buio della sera. Anche nei paesi mediterranei l’uso del temporizzatore si rivela un utile espediente per attenuare gli effetti negativi della carenza di esposizione alla luce solare. Si pensi, ad esempio, a tutti coloro che sono costretti a trascorrere molte ore al giorno in ambienti chiusi ed ombrosi. In questo caso, la programmazione del ciclo luminoso generato da My White Light, con il susseguirsi di fasi differenti in intensità e temperatura, risincronizza l’orologio biologico interno che regola lo scorrere del tempo, migliorando significativamente il benessere personale. Dunque, in ogni momento della giornata, in ogni stagione dell’anno, ed in ogni parte del globo My White Light ripristina il sistema endocrino e quella ciclicità che ci fa sentire bene, restituendoci l’energia e l’allegria dell’estate. La possibilità di gestire in modo semplice qualità, quantità e dinamica della luce rendono My White Light uno strumento potente e capace di supportare tanto logiche di funzionamento quali quelle esposte, tanto nuove logiche legate alla creatività personale o all’evolversi della ricerca. 41 This lamp has the capacity, in fact, to emit white light or that tending towards the various tones of red, green and blue, as well as to vary its intensity and temperature, in order to create the ideal conditions for the user to be happy “in” and “with” his environment. And that’s not all. My White Light offers still more. Its innovative timer (available soon) will actually make it possible to program, day by day, the intensity and temperature of the white light in order to reproduce all the typically Mediterranean variations of sunlight in the course of the day. This means that Northern European environments illuminated by My White Light will no longer be subject to the negative effects of short, gloomy days, but instead can benefit from a light cycle that in the early morning resembles the light emitted by the sun when it rises, gradually becoming more intense and warm as it reaches its zenith at noon. Afterwards, the diffused light gradually loses its intensity, becoming increasingly cooler and faint as the evening darkness descends. But also in Mediterranean countries the timer will prove useful in countering the negative effects arising from a lack of exposure to the sun. For instance, think of all those people who are obliged to spend many hours each day in dismal windowless environments. In this case, the programming of the light cycle generated by My White Light, with its sequential phases varying in intensity and temperature, allows us to re-synchronize our biological clock that regulates the passing of time, and significantly improves our individual well-being. At any time of the day, in any season, and in any part of the globe, My White Light can revive our endocrine system and the cyclicity that makes us feel good, giving us the energy and cheerfulness of summer. The possibility of easily managing the quality, quantity and dynamics of light makes My White Light a powerful tool that is able to perform not only the functions described above, but also new functions linked to personal creativity or the evolution of Artemide’s research. WARM WHITE 3000° KELVIN PURE WHITE 4500° KELVIN COOL WHITE 6000° KELVIN WHITE DESIGN white-warm white-cool 52 LA PERSONALIZZAZIONE DELLA LUCE Un nuovo alfabeto di qualità della luce degli ambienti per permettere ad ognuno di creare l’atmosfera luminosa preferita. My White Light riveste profondi significati simbolici che consentono l’espressione delle molteplici identità di colui che possiede questa lampada magica. Esiste oggi un sostanziale accordo fra gli psicologi circa gli effetti positivi del possedere un’identità fluida, ovvero un’identità che piuttosto di rimanere immutata nel tempo e nelle diverse situazioni (identità monolitica), si plasma continuamente in funzione delle diverse circostanze. Si ritiene, in particolare, che la capacità di modificare il proprio Sé, la propria identità, secondo il contesto, rappresenti un elemento cruciale per il successo sociale e l’autostima. Così come indossiamo abiti diversi per le diverse occasioni, allo stesso modo possiamo adattare il nostro Sé in funzione di obiettivi e stati d’animo differenti nell’ottica di un ottimale adattamento socioculturale (Siri, 2004). In virtù dei molteplici effetti positivi derivanti dal possesso di un Sé fluido, My White Light, consente al meglio questa simulazione ludica di identità possibili. Attraverso il gioco di luci, My White Light consente all’utilizzatore di costruire attivamente un ambiente in grado di esprimere perfettamente il proprio Sé reale (come si è realmente) o il proprio Sé ideale (come si vorrebbe essere), in modo camaleontico nelle svariate circostanze, in funzione di preferenze, personalità, stati d’animo e obiettivi. Il soggetto può assumere, in tal modo, un’identità oppure un’altra attivando un “ragionamento magico”, spostandosi nell’arcobaleno dei colori da tonalità calde (colore bianco-arancio) a fredde (bianco-blu), attraverso il passaggio da quelle intermedie (bianco neutro). PERSONALIZED LIGHT A new language of environmental light that allows each person to create the atmosphere they want. My White Light takes on profound symbolical meanings that allow owners of this magic lamp to express their many identities. Today, psychologists substantially agree on the positive effects of possessing a fluid identity, namely an identity that rather than remaining unchanged in time and in various situations (monolithic identity), constantly adapts to different circumstances. In particular, it is thought that the ability to modify our Self, our own identity, according to context, is crucial to social success and self esteem. Just as we wear different clothes for different occasions, we are able adapt our Self to various goals and moods with a view to achieving the highest degree of sociocultural adaptation (Siri, 2004). In virtue of the many positive effects deriving from a fluid Self, My White Light allows the individual to create as many different identities as possible. Through the play of light, My White Light permits the user to construct an environment that perfectly expresses his real Self (how he really is) or his ideal Self (how he would like to be) in a chameleonic way in diverse situations, according to his preferences, personality, mood and goals. Thus the individual can assume any identity by using a “magical logic”, moving through the rainbow of colours from warm (white-orange colour) to cool (white-blue) colours, via the intermediate tones (neutral white). My White Light permette l’espressione del proprio benessere, di abitare la luce e di realizzare la propria opera d’arte. My White Light è anche un “atto creativo”. La potenzialità della luce bianca diventa, infatti, quella di far abitare l’illuminazione, di far immergere le persone in una realtà che deve essere scoperta e creata in perfetta assonanza con il proprio Sé. Con My White Light la persona costruisce pertanto la sua realtà ideale, significandola e agendo in essa, creando conoscenza. L’utente non è adesso più soggetto “passivo” che subisce una luce funzionante secondo la dicotomia acceso/spento, ma è soggetto “attivo” che ricerca autonomamente la tinta e l’intensità di luce desiderata, esattamente quella che lo fa stare bene, non solo nella relazione con se stesso ma anche nell’interazione con gli altri. Nel pieno rispetto delle variabili individuali, contestuali e culturali che lo caratterizzano, l’individuo diventa attore della sua esperienza. Come in un’opera d’arte ogni individuo crea il teatro della propria vita, con My White Light l’utente costruisce il proprio palcoscenico esperienziale, all’interno del quale egli gioca il ruolo di attore. 53 My White Light allows us to express our well-being, to live the light and to create a work of art. My White Light is also a “creative act”. In fact, white light enables users to live the light; in other words, it immerses them in a reality that is discovered and created in perfect harmony with the Self. With My White Light a person constructs his ideal reality, giving it meaning and acting within it, and gaining experience. The user is no longer a “passive” individual subjected to light that functions according to the on/off dichotomy, but an “active” individual who autonomously seeks the desired tone and intensity of light, precisely what makes him feel good, not only in his relationship with himself but also when interacting with others. The individual becomes the protagonist of his experience, while fully respecting the individual, contextual and cultural variables that characterize him. As in a work of art, each individual creates the theatre of his life. With My White Light the user constructs his own experiential stage, playing the actor. 54 Inoltre, così come l’oggetto transizionale di cui parla Winnicott gioca un ruolo di mediazione fra il soggetto e la realtà esterna, anche My White Light può assolvere a tale funzione. Attraverso l’utilizzo di essa il soggetto genera un nuovo modo di interagire con l’ambiente circostante, che risulta perfettamente funzionale al suo star bene. My White Light diviene così l’oggetto che permette all’utente di sperimentare la sua relazione d’amore con il mondo. Al pari di un oggetto transizionale l’uso di My White Light può rappresentare un modo simbolico di giocare realtà illusorie, di evocare immaginari, di personificare le emozioni e costruire mondi plausibili per mezzo dei quali comunicare con pubblici differenti. La luce diviene, così come la musica, un linguaggio dei sentimenti estremamente differenziato. 55 Moreover, just as the “transitional object”, of which Winnicott speaks, plays the part of mediator between the individual and external reality, My White Light is able to perform the same function. When using it, a person creates a new way of interacting with the surrounding environment, which enhances his well-being to the full. Hence My White Light becomes the “object” that allows the user to experience a love relationship with the world. On a par with a transitional object, My White Light can be a symbolic way of playing with imaginary realities, of stimulating the imagination, of personifying emotions and of constructing plausible worlds through which to communicate with different audiences. Thus light becomes, like music, a highly differentiated language of feelings. 56 My White Light s’impone nel mercato come un “metaprodotto”, una lampada cioè che va oltre le sue caratteristiche prettamente funzionali e tangibili: non rappresenta solo un prodotto di elevato livello qualitativo ma arriva a connotare l’identità dell’utente. My White Light risponde alle nuove esigenze di un consumatore postmoderno, che ormai appagato nei suoi bisogni di base, sente il desiderio di novità, di personalizzazione, di espressione di Sé, di sorpresa, di novità, di evasione, di entertainment e di ludicità. Essa diventa un mezzo di comunicazione sociale, permettendo agli utenti di esprimere il loro essere diversi e originali grazie alle molteplici scelte di atmosfere possibili. Artemide ha voluto indirizzarsi verso un prodotto non più solo utilitaristico ma simbolico, in grado di soddisfare bisogni e desideri di un consumatore sempre più individualista, mettendogli a disposizione schemi di identificazione che ispirano la stessa autopercezione e attribuiscono un nuovo significato al principio di coerenza e al concetto di identità personale. My White Light è, dunque, una famiglia di prodotti innovativa sotto ogni aspetto, creata da Artemide con lo specifico intento di prendersi cura del proprio Sè. 57 My White Light distinguishes itself in the market as a “metaproduct”, that is a lamp that is much more than its purely functional and tangible characteristics, since it is not only a product of the highest quality but actually goes as far as defining the user’s identity. My White Light meets the new demands of a postmodern consumer who, now that his basic needs have been met, experiences a desire for novelty, personalization, self-expression, surprise, escape, entertainment and recreation. The lamp becomes a means of social communication, allowing users to express themselves in all their diversity and originality, thanks to the many atmospheres to choose from. Artemide has opted for a product that is no longer purely functional but also symbolic, able to satisfy the needs and desires of an increasingly individualistic consumer, placing at his disposal identification schemata that encourage self-perception and give new meaning to the principle of coherence and the concept of personal identity. Thus, My White Light is a family of innovative products from every point of view, created by Artemide with the specific aim of nurturing the Self. 58 My White Light permette di passare dal mondo della luce bianca al mondo del colore, semplicemente capovolgendo il telecomando. Saranno così i colori questa volta a dare vita alle vere essenze dell’individuo. L’esperienza di My White Light è un punto di partenza per la ricerca di Artemide nel creare apparecchi e dispositivi utili non solo nella sfera personale ma si muoverà anche verso quegli ambienti collettivi dove la risposta alle necessità della luce è ancora più pressante ma al contempo una sfida avvincente per il futuro. 59 My White Light allows users to pass from the world of white light to the world of colour, simply by turning the remote control around. This time it is colours that bring out the true essence of the individual. The My White Light experience constitutes a point of departure in the research carried out by Artemide to create lamps and fittings for individual use, which will also explore those collective environments where there is an even more urgent need to respond to lighting requirements, representing an irresistible challenge for the future. 60 CURSORI LINEARI PER REGOLARE A PROPRIO PIACIMENTO LE ATMOSFERE DI LUCE BIANCA LINEAR CURSORS FOR REGULATING THE WHITE LIGHT ATMOSPHERES AS YOU PLEASE TASTO PER L’ACCENSIONE E LO SPEGNIMENTO DEL PRODOTTO ON-OFF KEY TASTI PER LA SELEZIONE DI UNA DELLE MODALITÀ AUTOMATICHE DI FUNZIONAMENTO PREVISTE KEYS FOR SELECTING INDIVIDUAL AUTOMATIC FUNCTION MODES REGOLAZIONE DELLA LUCE BIANCA REGULATION OF WHITE LIGHT 61 CURSORI LINEARI PER REGOLARE A PROPRIO PIACIMENTO LE ATMOSFERE DI LUCE COLORATA LINEAR CURSORS FOR REGULATING COLOURED LIGHT ATMOSPHERES AS YOU PLEASE TASTO PER L’ACCENSIONE E LO SPEGNIMENTO DEL PRODOTTO ON-OFF KEY TASTI PER LA SELEZIONE DI UNA DELLE MODALITÀ AUTOMATICHE DI FUNZIONAMENTO PREVISTE KEYS FOR SELECTING INDIVIDUAL AUTOMATIC FUNCTION MODES REGOLAZIONE DELLA LUCE COLORATA REGULATION OF COLOURED LIGHT 64 R100% G100% B100% MY WHITE LIGHT PRODUCTS 68 MY WHITE LIGHT: PRODOTTI Come in un’opera d’arte ogni individuo crea il teatro della propria vita, con My White Light l’utente costruisce il proprio palcoscenico esperienziale, all’interno del quale egli gioca il ruolo di attore. Il tutto è facilmente realizzabile grazie ad un’estrema semplicità di utilizzo. My White Light è stata, infatti, progettata obbedendo ai principi base dell’usabilità, i quali presuppongono una perfetta corrispondenza tra la rappresentazione mentale dell’utente e del designer circa il funzionamento del prodotto. In altri termini, le caratteristiche di My White Light rendono immediatamente evidente come l’individuo debba interagire con essa. L’immediatezza di utilizzo si evince nell’elevata usabilità del telecomando, che è stato oggetto di una approfondita progettazione tesa a realizzare una intuizione immediata fra tipo di comando e performance dell’apparecchio. Le modalità automatiche di funzionamento del prodotto (Rolling, Day, Relax ed Energy) richiamano situazioni tipo di utilizzo, alle quali un apparecchio flessibile come My White Light può perfettamente rispondere e supportare così al meglio l’utente nelle sue necessità di concentrazione, di creatività o di relax. A partire dall’uso intuitivo di My White Light, la persona sarà gradualmente invogliata a sperimentare diverse luci bianche e ulteriori nuovi colori, raggiungendo nel tempo livelli di expertise sempre più elevati, secondo una logica creativa, che passa da livelli di complessità crescenti. 69 MY WHITE LIGHT: PRODUCTS As in a work of art, each individual creates the theatre of his life. With My White Light the user constructs his own experiential stage, playing the actor. Everything is easy to create because the system is so simple to operate. My White Light was designed on the basis of fundamental user-friendly principles which presuppose that the user and designer see the product functioning in the same way. In other words, the features of My White Light make it immediately clear how the individual should interact with the system. Its immediacy of use derives from easy-to-use remote control, the result of exhaustive design studies aimed at producing an instant response to any type of command. The automatic function modes of the product (Rolling, Day, Relax, Energy) exemplify typical usage situations to which a flexible lamp like My White Light can respond perfectly, thus giving the user all the support he needs in moments of concentration, creativity or relaxation. By starting to operate My White Light intuitively, a person will gradually be tempted to experiment with different white lights and more new colours, becoming increasingly expert with time, according to an ever-more e laborate creative logic. 72 My White Light presenta anche il pregio di essere un apparecchio a basso consumo energetico. Rispetto alle tradizionali soluzioni provviste di lampade ad incandescenza, My White Light garantisce, infatti, alta qualità di alimentazione elettronica, alta efficienza (fino a 7 volte maggiore rispetto a sorgenti incandescenti) ed elevatissima durata delle sorgenti fluorescenti (fino a 10 volte rispetto ad una sorgente incandescente), questo a garanzia di una performance del prodotto sicura e garantita nel tempo, del rispetto dell’ambiente e del value-for-money del prodotto. 73 My White Light also has the advantage of being a low energy consumption lamp. Compared with traditional lamps fitted with incandescent bulbs, My White Light guarantees the high quality electrical input, high efficiency (up to 7 times greater than incandescent sources) and extra long life (10 times longer than an incandescent source) of fluorescent sources. This ensures safe, long-lasting performance, respect for the environment and value for money. 74 SARISSA Michele De Lucchi - Philippe Nigro 75 lunghezza length 162 cm - larghezza width 23 cm 3X80W (G 5) - T 16 RGB dimmable - electronic ballast 76 ATTALO Wilmotte & Associés 77 lunghezza length 152 / 122 cm - larghezza width 21 cm 3X80W (G 5) - T 16 RGB dimmable - electronic ballast 78 METACOLOR Ernesto Gismondi altezza height 207 cm - diametro base base diameter 34 cm 6X58W (G 5) - T 16 RGB dimmable - electronic ballast + 3X9W (G 23) Blue - T 23 - TC-S 80 ORGIA Ernesto Gismondi 81 diametro diameter 90 cm - altezza height 30 cm 9X14W (G 5) - T 16 RGB dimmable - electronic ballast 82 TRIFLUO Franco Raggi 83 diametro diameter 75 cm 9X24W (G 5) - T 16 RGB dimmable - electronic ballast 84 LARA Michele De Lucchi - Philippe Nigro 85 diametro diameter 90 cm - altezza height 17 cm 9X14W (G 5) - T 16 RGB dimmable - electronic ballast 86 “MY WHITE LIGHT” CONTENTS Gabriella Pravettoni, Professore Ordinario presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli Studi di Milano Raffaella Misuraca, Ricercatore presso il Dipartimento di Psicologia dell’Università degli Studi di Palermo 87 CONCEPT AND PROJECT DEVELOPMENT Ernesto Gismondi RESEARCH AND INNOVATION Fabio Zanola PRODUCT DEVELOPMENT Paolo Leoni Daniele Moioli PROJECT DEVELOPMENT STAFF Prof. Gabriella Pravettoni, psicologa Prof. Luigi Ferini Strambi, psico-neuro-fisiologo Dott. Mauro Manconi, psico-neuro-fisiologo Prof. Fulvio Carmagnola, docente di estetica presso l'Università degli Studi di Milano Bicocca

Segnala ad un amico